Venerdì, 22 Marzo 2019 23:04

Camelot HIM partecipa alle ricerche dell’uomo scomparso a Castelnuovo di Porto

Erano le 4:30 della mattina di mercoledì 20 marzo quando Emiliano Lesti è scomparso.

L’uomo di 48 anni, di Castelnuovo di Porto, separato e padre di due bambini, è uscito di casa in zona Via Valle Ioro, prima dell’alba, a piedi, senza cellulare e senza documenti. Al momento della scomparsa indossava jeans scuri, anfibi militari e un giubbotto blu. Si sarebbe dovuto recare al bar della stazione e in tabaccheria, gli esercizi commerciali di cui è proprietario, ma non vi è mai arrivato. Da quel momento di lui non si è più saputo nulla. Immediatamente il Comune di Castelnuovo ha attivato le ricerche a cui stanno partecipando i Carabinieri, i Vigili del Fuoco e il Servizio di Protezione Civile Comunale, tra cui i Volontari del distaccamento di Protezione Civile Camelot HIM, che rispondono a Roberta Cicciola.

Le ricerche proseguono senza sosta da mercoledì mattina e i Vigili del Fuoco, che hanno due squadre a supporto, i nuclei SAF e TAS e l’aereo Drago 63, hanno diviso il territorio in diverse zone in modo da distribuire e organizzare un’azione di ricerca congiunta con le risorse dei comuni limitrofi di Capena, Monterotondo e Labaro. Quando scende la notte e le ricerche umane si devono interrompere, il drone dei Vigili del Fuoco sorvola l’ampio raggio di territorio particolarmente ostico perché ricco di zone boschive e di grotte (usate durante la Seconda Guerra Mondiale come rifugi).

Malgrado gli sforzi, dell’uomo non si hanno ancora tracce, così come le numerose ipotesi sulla scomparsa non trovano ancora una risposta.

Letto 220 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.